Il gioco è vietato ai minori di anni 18 e può causare dipendenza patologica

27/12/2010 - Due sei da 36 milioni centrati a Napoli. Schedine giocate nella stessa tabaccheria!


Esce il '6' al SuperEnalotto. Per l'esattezza ne escono due, entrambi a Napoli e con le schedine giocate nella medesima tabaccheria, la 'Di Lorenzo' di corso Vittorio Emanuele 477. Ciascuno dei due vincitori si porta a casa, a pochi giorni dal Capodanno, quasi 36 milioni: esattamente 35.947.847,21 euro. La combinazione vincente è stata 4, 39, 62, 67, 69, 78, numero jolly 65, numero superstar 5. Nessun realizzatore del '5+' mentre sono 36 i realizzatori del '5' che vincono 34.352 euro. Il jackpot stimato a disposizione del prossimo concorso scende ora a 9,7 milioni di euro.

"Chi ha vinto abita sicuramente nel quartiere, qui è una zona di passaggio e di solito la gente che gioca è sempre la solita, non vengono qui da altrove...". Nunzia Di Lorenzo è la titolare della tabaccheria al civico 477 di corso Vittorio Emanuele, a due passi da piazza Mazzini, crocevia che collega il centro con il quartiere collinare del Vomero. "Ma è vero? Mi ha da poco telefonato la Sisal per comunicarmelo, ma ancora non sono sicura", chiede la titolare ancora incredula. Non sa chi ha vinto, "ma sicuramente - afferma - si tratta di persone che conosco, che vengono abitualmente nella tabaccheria. Anzi vi dico di più: chi non si farà più vedere sarà proprio lui il vincitore", scherza ma non troppo. La signora Di Lorenzo spiega che nella sua tabaccheria il SuperEnalotto non è tra i giochi più diffusi. "Puntano molto più sul lotto e sul 'gratta e vinci'. Al SuperEnalotto prepariamo anche noi qualche sistema, ma al momento non so dire se sia stato un nostro sistema a realizzare il 6". Si aspetta un regalino anonimo? "Speriamo, certo abbiamo portato fortuna".

Finora nella storia del concorso non era mai successo: due diversi giocatori nella stessa ricevitoria a distanza di poche ore. La prima delle due schedine da 36 milioni è stata convalidata venerdì 24 dicembre, in mattinata. L'identica sestina sarebbe stata ripetuta dopo circa 120 giocate, circostanza che induce a pensare a due diversi giocatori. In nessuno dei due casi si tratterebbe però di un sistema, che avrebbe prodotto anche vincite di categorie inferiori (5,4,3). Dunque, sarebbero state due giocate secche. I 72 milioni di euro diviso tra i due giocatori di Napoli rappresentano la quinta vincita di sempre nella storia del concorso. La classifica dei jackpot più alti di sempre, informa Agipronews, vede al primo posto i 178 milioni spartiti lo scorso 30 ottobre tra 70 diversi giocatori, seguiti dai 147,8 milioni di Bagnone dell'agosto 2009 e dai 139 milioni spartiti tra Parma e Piacenza nel febbraio scorso. Quarto posto per la vincita di Catania dell'ottobre 2008 da 100,7 milioni.

fonte: Repubblica.it, 27/12/2010


Elenco news